fbpx

Ciao Mamme, ciao papà, siete già al mare o manca poco per la partenza?

Questo video pratico potrà rendere la vacanza con i vostri piccoli più divertente, coinvolgente ed utile!

Guardate come con poco materiale, spesso di recupero, si possono riempire le giornate creando giochi interessanti per stimolare la loro intelligenza, la loro motricità, la manualità fine e soprattutto un buon rapporto con l’acqua.

Nelle riprese vedrete prevalentemente mia figlia Anna di 20 mesi … ho approfittato della nostra ultima vacanza al mare per rendere più comprensibili i vari giochi e soprattutto per farvi vedere il modo di proporli per coinvolgerli maggiormente.

Mettete nella vostra borsa da spiaggia:
– 2/3 secchielli di diverse dimensioni
– un annaffiatoio
– un paio di palette un rastrellino ed un cucchiaio da gelato
– attrezzi e formine del dido’
– un retino
– un canottino
– qualche pallina colorata e qualche macchinina
– palline colorate e una palla leggera
– colori a dita con pennelli e qualche pennarello
– libretti
– riviste interattive per bambini piccoli
– un bambolotto tutto in gomma
– qualche costruzione

1. CANOTTINO GONFIABILE
Vi consiglio di partire dal  GIOCO DEL CANOTTINO GONFIABILE in quanto permette anche ai bambini più diffidenti di ambientarsi alla sabbia e al mare, soprattutto se l’acqua è freddina, senza grosse difficoltà! Mettetelo ad una media distanza dall’acqua (per permettere loro si far movimento tra sabbia ed acqua) ed invitateli a riempirlo d’acqua per creare una mini-piscina. Lasciate che entrino e che giochino liberamente a travasare l’acqua con contenitori di recupero, a fare miscugli con la sabbia e a fare giochi d’imitazione con lego e animaletti vari.

Il contatto con l’acqua appena raccolta permetterà loro di rinfrescarsi e soprattutto di abituarsi alla temperatura del mare e a percepirlo meno freddo quando entreranno.
Dopo averli fatti giocare per un po’ da soli invitateli a svuotarlo (con il vostro aiuto)e a trasportarlo nel bagnasciuga. Lasciate che facciano esperienza nell’entrare ed uscire da soli…è un ottimo modo per avvicinarli all’acqua!

2. AUTOSCONTRI
A questo punto trasportateli nell’acqua e fateli divertire con il GIOCO DEGLI AUTOSCONTRI…se ci dovessero essere altri bambini con il loro canottino fateli scontrare l’uno con l’altro!

Se avete bambini diffidenti e che non vogliono entrare in acqua (soprattutto se è fredda) il modo più efficace per farli entrare è quello di trattenervi dal chiedere loro di farlo e addirittura di vietare loro, in modo giocoso, di entrare. Meglio ancora se li lasciate vestiti, così sanno che non li costringerete mai ad andare in acqua! Allo stesso tempo fate vedere che voi entrate e che vi divertite un mondo. Fate spesso esclamazioni del tipo “Che meraviglia, che bello rinfrescarsi, quante belle cose ci sono qui dentro!”
Faranno il possibile per sfidarvi e prima o poi (abbiate pazienza) arriveranno a bagnarsi!

3. SALTARE OLTRE LE ONDE
Invitateli a SALTARE OLTRE LE ONDE sul bagnasciuga, iniziando con quelle piccole e abituandoli poi anche a quelle più alte!

4. GARA DI LANCIO CONCHIGLIE/SASSI
Fate la GARA DI CHI LANCIA PIÙ LONTANO LE CONCHIGLIE ED I SASSI. Con i bimbi più grandi potete insegnar loro a farli rimbalzare sulla superficie dell’acqua.

Con l’acqua particolarmente fredda potete utilizzare un mutino, mentre per proteggerli dal sole e dall’aria potete optare per le tutine con fitri uv.

5. ALLA RICERCA DI PIETRE E CONCHIGLIE
Muniti di retino invitateli a CERCARE PIETRE PREZIOSE O CONCHIGLIE non solo sulla spiaggia ma anche dentro all’ acqua … o a prendere i pesciolini! Questo è anche l’unico modo per invitarli ad andare a fare una passeggiata…senza una buona motivazione è ben difficile convincerli a fare strada camminando.

6. DIPINGERE
Abbellite il materiale raccolto DIPINGENDO SASSI E CONCHIGLIE
con pennelli e colori a dita atossici, specifici per bambini piccoli. E’ meraviglioso lasciarli giocare liberamente senza doversi preoccupare che si sporchino e di dover poi pulire tutto … e loro si divertono tantissimo!

7. DISEGNI SULLA SABBIA
Utilizzate sempre SASSI, CONCHIGLIE, LEGNETTI … per fare dei disegni sulla sabbia di fantasia … senza interferire con le loro creazioni. In uno spazio a parte, vicino a loro, sbizzarritevi anche voi a disegnare… liberate la vostra creatività e vedrete come questo gioco appassionerà anche voi!

Non avete idea di quanto importante sia per i nostri bimbi vedere che oltre a lavorare ci divertiamo anche noi genitori con qualcosa che ci appassiona!

8. BODY ART 😉
Soprattutto con le bimbe, lasciate CHE SI METTANO LO SMALTO SULLE UNGHIE e CHE LO METTANO anche a voi! O permettete loro di DIPINGERE IL PROPRIO CORPO, di FARSI DEI TATUAGGI CON I PENNARELLI, e di cancellarli poi in un attimo con l’acqua del mare.

9. I TRAVASI
Lasciateli giocare molto a TRAVASARE ACQUA E SABBIA utilizzando materiale di recupero
… osservate l’impegno e l’intraprendenza di Anna per far stare in equilibrio la bottiglia, nonostante il vento! Cercate di intervenire il meno possibile e vi stupirete di come elaborino da soli nuove soluzioni e nuove modalità di gioco.
10. FORI NELLE BOTTIGLIE
Con l’aiuto di una punta riscaldata sul fuoco FATE DEI FORI AD UNA BOTTIGLIA … ed invitate il bambino a tapparli o ad utilizzarla come una doccia!

Utilizzate bottigliette di recupero o coppette dei gelati per DIVIDERE IL MATERIALE RACCOLTO IN SPIAGGIA PER CATEGORIE: per colore, per forma, per dimensioni, per quantità (scrivendo il numero sui contenitori). E’ un ottimo gioco per insegnare i colori ed i numeri ai bambini!

11. DISEGNI CON DIDO’
Utilizzando gli attrezzi del didò e fateli DISEGNARE UTILIZZANDO STAMPINI, ROTELLINE, COLTELLINI.

12. INDOVINA COSA HO DISEGNATO
Fate il gioco di INDOVINA COS’HO DISEGNATO, invertendo poi i ruoli, o INDOVINA CHE LETTERA o CHE PAROLA E’, a seconda delle conoscenze del bambino.

13. NASCONDINO CON LA SABBIA.
Giocate a NASCONDERE DELLE PARTI DEL CORPO SOTTO ALLA SABBIA … e a liberarle! E a fare altrettanto al bambolotto!

14. GIOCHI CON BAMBOLOTTI
Lasciateli giocare a SIMULARE LA PREPARAZIONE DI TORTE, DI GELATI, ad imboccare il bambolotto e fargli fare pipì … soprattutto se avete da poco iniziato lo spannolinamento! Incoraggiateli ad INSEGNARE A NUOTARE ANCHE AL BAMBOLOTTO, a fargli fare i tuffi e la stella. Non avete idea di quanto utile sia questo gioco per esorcizzare la paura dell’acqua.

15. ARCHEOLOGO
Giocate all’ARCHEOLOGO, nascondete dei giochini (in questo caso dei dinosauri) ed invitate il bambino a cercarli con l’ aiuto di un rastrellino.

16. COSTRUIRE MONTAGNE DI SABBIA.
COSTRUITE ASSIEME A LORO DELLE MONTAGNE DI SABBIA, oltre che scavare le buche ed utilizzatele come scivolo per le palline (mi raccomando di diametro oltre ai 3 cm) facendole poi finire in un nascondiglio.

Utilizzate la stessa montagna come PISTA PER LE MACCHININE. 🙂

17. SCALARE MONTAGNE DI SABBIA
Invitateli a SCALARE LA MONTAGNA e, se la sabbia è abbastanza compatta anche a SCENDERE CON UN SALTO.

18. GLI EQUILIBRISTI
Tracciamo una linea per terra ed invitiamoli a FARE GLI EQUILIBRISTI …

19. SALTARE ALL’INTERNO DI RIQUADRI
Saltiamo in riquadri disegnati per terra, magari aprendo e chiudendo le gambe. I bambini più grandi potrebbero farlo saltellando su un solo piede.

20. CANESTRO
Proponetegli il GIOCO DEL CANESTRO, se non avete un salvagente semplicemente tracciate un cerchio per terra o scavate una buca sufficientemente larga e non troppo profonda. Utilizzate palline di diversi colori (quelle che avete utilizzato per la montagna) e nominate il colore ad ogni lancio, oppure contate i canestri che fanno.

21. TIRO AL BERSAGLIO
Utilizzando i secchielli rovesciati giocate al TIRO AL BERSAGLIO.
Invitateli a colpire da una certa distanza la bottiglietta e farla cadere. Man mano che migliorano aumentate le distanze.

22. BOWLING
Con delle bottigliette riempite con un po’ d’acqua per renderle più stabili proponete il GIOCO DEL BOWLING … se dovessero perdere la pazienza lasciate che trovino strategie alternative per farle cadere!

23. CALCIO
Abituateli a CONTROLLARE LA PALLA CON I PIEDI, come i calciatori, sia sulla sabbia che sull’acqua. E’ un ottimo gioco di coordinazione occhio-piede
, oltre che di tutto il corpo! Potete improvvisare una porta per fare goal sotto alle gambe di un genitore o tra due palette piantate per terra! Fate solo attenzione che non colpiscano i vicini d’ombrellone!

24. MINIGOLF
Un altro gioco interessante è il MINIGOLF:  scavate delle buche sulla sabbia ed invitate il bambino a farci finir dentro una pallina colpendolo con un piccola mazza in plastica o semplicemente utilizzando una scopetta.

25. CAPOVOLTE
Insegnate loro a fare le CAPOVOLTE AVANTI e ai più grandi anche indietro.
26. I LIBRI
Non fate mai mancare dei LIBRETTI da far loro leggere in autonomia o in vostra compagnia. Ideali sono anche le RIVISTE INTERATTIVE PER BAMBINI piccoli (tipo Pimpa, Peppa Pig…) da completare utilizzando i pennarelli e gli stikers.

27. LE COSTRUZIONI
Un gioco che va sempre bene, sia in spiaggia che a casa è il GIOCO DELLE COSTRUZIONI … non servono tanti pezzi ma è importante che rievochino loro situazioni familiari (fate dare un nome di persone che conoscono a tutti personaggi e lasciate che si sbizzarriscano ad inventare nuove scene).

28. ZATTERE-MINISURF-GONFIABILI- TAVOLE DA SUP
Se ne avete la possibilità fate sperimentare loro diversi equilibri su ZATTERE, MINI-SURF, GONFIABILI GRANDI o, come in questo caso su una TAVOLA DA SUP, provando anche a remare.

29. NUOTARE SULLE SPALLE DI MAMMA E PAPA’
Va benissimo anche TENERSI SALDAMENTE SULLA SCHIENA DI PAPA’ trasformato in alligatore o sulle SPALLE DELLA MAMMA in acqua profonda!

30. SUL GOMMONE
Cercare di MANTENERE L’EQUILIBRIO SU UN GOMMONE in balia delle onde … provando addirittura a PILOTARLO.

L’importante è che li abituiate il prima possibile, con corsi in piscina, a NUOTARE DA SOLI anche dove non toccano in modo che non abbiano paura dell’acqua e che in caso di caduta accidentale sappiano cavarsela anche da soli. Dovete comunque fare sempre il possibile per tenerli sotto controllo e non perderli mai di vista. Procuratevi del materiale di sostegno che non sia passivo, ma che li metta nelle condizioni di pedalare e ricercare l’equilibrio per stare a galla (come con le magic air belts), in modo da sviluppare presto la forza e la coordinazione per nuotare da soli.

Se ne avete la possibilità portateli anche in piscina, fate sperimentare loro più cose possibili: le cascate cervicali, le pistole ad acqua, gli scivoli…

Sembrano tutte cose semplici e a volte banali, in realtà ciò che più stimola un bambino in questa fascia d’età è la varietà di esperienze motorie, sensoriali, cognitive ed affettive che lui sperimenta. I primi tre anni del bambino sono i più importanti per lo sviluppo della sua intelligenza.

Ogni nuova esperienza a questa età crea tantissime nuove connessioni neuronali nel suo cervello (quella che viene chiamata materia grigia) e più un bambino ne ha a disposizione e più sarà sveglio!

Cogliete al meglio il vostro tempo al mare e soprattutto … DIVERTITEVI TANTO, PIU’ CHE POTETE, IN SUA COMPAGNIA!

PROCESSING